Home / Info&news / FOLLIA. SI FOLLIA!

FOLLIA. SI FOLLIA!

Gara tra medici e infermieri a chi fa più male. Succede a Vicenza.

 

disabilinauto

 

Ospedale San Bortolo di Vicenza, fanno a gara a chi usa l’ago più grosso, con evidente maggiore sofferenza dei pazienti. Poi confrontavano i risultati su un gruppo costruito ad hoc su Whatsapp. Incredibile vero? Eppure è  successo! La vicenda è trapelata dalle stanza del Pronto Soccorso.

Due medici, e sei infermieri avrebbero creato il gruppo ad hoc, nel quale riportavano in diretta le “imprese” che consistevano nell’infilare aghi e cannule, più grandi le dimensioni più alto il punteggio assegnato.

Il procedimento pare si sia concluso con un medico condannato con censura scritta, un infermiere con rimprovero scritto. Non ci sono le prove che documentino la veridicità dei messaggi su Whatsapp, in quanto le cannule e gli aghi utilizzati non sono riferiti nei verbali del Pronto Soccorso. Per i due operatori, presenti nel giorno della Chat rimane l’accusa di  “sviamento dell’attività istituzionale” “uso improprio  del cellulare”.

Certo noi non siamo magistrati, ma se così è ci sembra davvero pochino. Non siamo nemmeno medici, ne infermieri, ma crediamo che l’etica professionale dovrebbe essere tale da allontanarli per sempre dalla professione. Ci permettiamo anche di  pensare che a quella cannula sovradimensionata potrebbe esserci nostro figlio, nostra madre, ecc.  E se tu sei così folle da dare un punteggio alla sofferenza di chi dovresti curare, facendolo soffrire il meno possibile tra l’altro, tu sei indegno di fare il lavoro che fai. Ecco questo noi crediamo…

 

Valter Nicoletti

admin

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Paralimpiadi Guttmann

Un rifugiato politico crea le paralimpadi. Uno schiaffo al regime dei superuomini.

Eravamo nel periodo più buio del ‘900, quando dalla Germania Nazista fuggivano ...

Continuando ad utilizzare il sito , l'utente accetta l'uso dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close