Home / Info&news / Un rifugiato politico crea le paralimpadi. Uno schiaffo al regime dei superuomini.
Paralimpiadi Guttmann

Un rifugiato politico crea le paralimpadi. Uno schiaffo al regime dei superuomini.

Eravamo nel periodo più buio del ‘900, quando dalla Germania Nazista fuggivano gli ebrei  e i dissidenti politici , tra questi  vi era Ludwig Guttmann un neurologo tedesco che sarà poi un precursore nella medicina e nello sport .

Guttmann dopo aver conseguito la laurea in medicina inizio il proprio lavoro di medico neurologo presso l’ospedale di Breslavia con ottimi risultati, appare strano ma nelle dittature la scienza e lo studio hanno sempre grande rilevanza purtroppo non solo per scopi umanitari , fino a quando è costretto a fuggire dalla Germania a causa delle leggi razziali .

Si rifugia in Inghilterra e qui il governo britannico gli affida il compito di dirigere il “centro nazionale sulle lesioni  del midollo spinale “ situato nei pressi di Londra ove rimase come direttore fino al 1966 .

Scelse da subito di utilizzare lo sport come metodo principale di terapia e riabilitazione con buoni risultati .

Nel  1952 forte dei risultati conseguiti con  i Giochi di Stoke  Mandeville per persone con disabilità , tali giochi arrivarono ad attirare l’attenzione anche del  CIO tanto che nel 1960 i primi Giochi Paralimpici fecero il loro esordio alle Olimpiadi Di Roma grazie anche al supporto dell’italiano Antonio Maglio .

Grazie a Guttmann oggi siamo arrivati ai Giochi Paralimpici un uomo che ha sconfitto l’ideologia nazista con lo sport .

 

francesco testa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Disabilità. Puppo (Anglat) a colloquio in Regione Liguria

La tutela dei diritti delle persone disabili e il loro inserimento nella ...

Continuando ad utilizzare il sito , l'utente accetta l'uso dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close