Home / Info&news / CIAO, FRANCO CIAO, CIAO. LETTERA A FRANCO BOMPREZZI

CIAO, FRANCO CIAO, CIAO. LETTERA A FRANCO BOMPREZZI

bomprimmacopia

Caro Franco,

ti ho conosciuto trent’anni fa, Io neo assunto presso il quotidiano “Il Mattino di Padova” in segreteria di redazione. Tu già caposervizio della cronaca cittadina. Da te ho imparato molto. Sei sempre stato un faro per me. Da subito ho capito che conoscerti era già una fortuna.
Mi hai insegnato che un disabile motorio può essere un leader, un ottimo giornalista, un gran politico, un buon scrittore, un saggio che sa darti un consiglio importante senza fartelo pesare, e tu eri e sei tutto questo. Tanto per raccontarti un po’ per come ti conosco. Esigente e professionale con te stesso ma anche con i tuoi collaboratori nel lavoro.

bomprezzi-libro

Che c’è di strano direte voi? L’intelligenza non ha bisogno di gambe o braccia!
Certamente non la si pensava così trent’anni fa. L’immaginario delle persone comuni intorno al mondo della disabilità era molto ma molto diverso da oggi. E forse in certi ambienti non è scontato nemmeno oggi.

Franco ricordo quando i lettori mi chiedevano del responsabile alla cronaca per lamentarsi di qualche articolo. E allora ti facevo venire in segreteria, e al tuo arrivo rivolgendosi a me mi dicevano “ho chiesto del responsabile sa!” perché per loro chi usa una carrozzina non può avere un tale incarico. E allora io dicevo con ironia “E’ il migliore giornalista che abbiamo l‘unico che non scrive con i piedi” E poi rimasti soli io e te ci facevamo una sana risata perché l’ironia a volte è la cura migliore, e sempre mi ricordavi ; “non basta non scrivere con i piedi per essere il migliore, ricordalo sempre Valter”.

franco bomprezzi napolitano-2
Franco grazie di tutto ciò che sei riuscito a fare, grazie per tutte le battaglie che hai saputo fare, molte vinte altre hanno ancora bisogno di tempo per affermarsi.

Troppo facile, troppo scontato dire che il mondo della disabilità ti deve molto. La verità è che tutti ti devono molto. La tua storia, le tue parole, i, tuoi articoli ne sono la migliore conferma.

Io sono anche parte di te, di ciò che mi hai saputo insegnare, spero di non deluderti mai.

Ciao Franco, ciao, ciao.

 

Valter Nicoletti –  valternicoletti@disabilinauto.it

 

 

admin

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Paralimpiadi Guttmann

Un rifugiato politico crea le paralimpadi. Uno schiaffo al regime dei superuomini.

Eravamo nel periodo più buio del ‘900, quando dalla Germania Nazista fuggivano ...

Continuando ad utilizzare il sito , l'utente accetta l'uso dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close